15 Mar 2011

Pensiero notturno due. (Viva l’Italia)

News No Comments
YouTube Preview Image

 

 

Questa settimana è strana. Giovedì è festa. Siamo stanchi e quindi dormirò un po’ di più.  Ma festeggerò. E’ troppo importante essere uniti, condividere memoria, suolo, aspirazioni, lingua. Soprattutto vivendo e accettando quelle piccole diversità che alla fine sono ricchezze insostituibile per cementare il nostro Paese. Sono orgoglioso di essere italiano. Del resto noi siamo i figli dei figli di Dante, di Michelangelo, di Leonardo, di Raffaello, di Verdi, di Puccini, di Rossini,  di Rossellini, di Visconti, di De Sica di Fellini, di Pirandello, di D’annunzio, di Montale, di Ungaretti , di Primo Levi, di Italo Calvino, di Ennio Flaiano, di Mastroianni, di Gassman, di Benigni, De Andrè,  di Lucio Battisti, di Rivera, di Mazzola, di Paolo Rossi e di tutti quelli che anche solo per un secondo ci hanno reso orgogliosi di essere italiani. Non basta?  (Tutti i nomi li ho scritto così come mi venivano in mente, in ordine sparso. ne mancano tantissimi, Il film è Good morning Babilonia dei Fratelli Taviani)

14 Mar 2011

Nei corridoi dell’Overlook Hotel

News 1 Comment

 

Questo è il luogo dove a pausa cerco di riordinare le idee e soprattutto mi rilasso. E per ricaricarmi e ispirarmi per le scene del pomeriggio guardo immagini d’arte pura e assoluta: i disegni della mia bambina, quella più grande.

11 Mar 2011

Fine della seconda settimana di riprese. (Tanti dettagli)

News No Comments

Nei piccoli dettagli, infiniti, minimi, c’è una grande idea per questo distretto. Io e gli attori stiamo molto attenti ai dettagli che caratterizzano emotivamente e fisicamente i personaggi che poi loro interpretano. Piccole storie non scritte all’interno della grande storia di questo film.  Tutto ciò che abbiamo studiato e amato nella nostra formazione, trova forma e sostanza nel lavoro quotidiano che è fatto di tante scene e di ritmi assolutamente frenetici. I nostri miti, Stanislaskij, Grotosky, Strasberg e tutti coloro meno famosi che ci hanno insegnato ad amare il nostro lavoro, a costruire i personaggi e a tessere un’idea di regia solida e analitica, sono presenti in ogni scena. Anche se in versione accelerata, come un treno ad alta velocità che scorra all’interno del nostro cervello e dei nostri nervi. Tutto ciò che abbiamo appreso si  riaffaccia alla soglia della nostra incredibile voglia ancora di giocare e metterci in discussione. In inglese recitare si dice  “to play”, in francese “jouer”, in tedesco “spiel”: ovvero giocare. Quindi nelle singole scene cerchiamo di divertirci, e di non arrenderci mai né alla routine, né alla rinuncia della nostra ricerca quotidiana. Distretto di Polizia è un seriale e i tempi sono quelli della fiction televisiva seriale. Ma sono felice perché  tutto sta alla nostra volontà e alla nostra estrema sintesi nel cercare di far vivere ogni singola scena con consapevolezza e grande rispetto. A volte ci riusciamo, altre volte no. Ma ciò che è importante è continuare a provarci. Ogni mattina, così, e meno duro alzarsi prima dell’alba e siamo tutti un po’ più felici.

10 Mar 2011

Ore 8.00 Sala interrogatori. I soliti ignoti

News No Comments

Inizio lavorazione. La troupe si identifica sempre con la location in cui si gira. Quella che si chiama deformazione professionale.

09 Mar 2011

Un boato di Silenzio!

News No Comments

 

 

C’è una parola che ho sentito ripetere più spesso in tutti i set che ho diretto ed è: Silenzio! Infatti è difficile chiedere il silenzio perchè tutti lavorano fino all’ultimo secondo per migliorare la scena che andrà nel film. I macchinisti che devono coordinare i movimenti della macchina, l’operatore che cerca con l’assistente il fuoco giusto, il trucco, il parrucco, il direttore della fotografia agli elettricisti, gli attori che provano la memoria della parte che stanno per recitare. L’aiuto regista grida: Sileeenziooooo! Il primo urlo raramente ha successo, il secondo pronunciato a voce più alta e stentorea sortisce l’effetto di far zittire la prima linea dei parlatori. Infine il terzo che è un vero e proprio urlo di tarzan,  crea il silenzo, con un vago senso di colpa in tutti coloro che parlavano. E poi qualche volta si crea la magia e non serve neanche chiederlo una volta. Il silenzio si impone con la scena che si sta per girare. Esistono scene che posseggono nel loro dna il silenzio. Scene che mettono in gioco stati d’animo complessi e  magari dolorosi, scene che tutti ascoltano quasi senza fiatare. “In religioso silenzio.” Quando questo capita è come aver trovato un quadrifoglio, o il famoso Pizzaballa dell’album delle figurine Panini degli anni settanta, insomma, un  quasi miracolo. Oggi sul nostro set è successo, ed è stato un silenzio così assordante che ancora adesso mi fanno male le orecchie.

 

08 Mar 2011

Ultimo pensiero notturno.

News 1 Comment

Voglio presentare tutti coloro che contribuiscono a realizzare Distretto di polizia. E inizio con il reparto Fotografia. Il Direttore Sandro Grossi chè è stato l’operatore di macchina di tantissimi film che abbiamo amato e il direttore della fotografia di altrettanti film e fiction di successo, un musicista sopratutto e un amante dei Beatles. Gli operatori di ripresa Claudio Nannuzzi che è anche l’operatore Steadicam impareggiabile ha fatto tutti i distretti dalla fondazione a oggi. L’altro operatore Antonello Sarao, che a sentire lui è un operatore di nicchia (perchè riesce a stare anche in una nicchia). L’assistente degli assistenti Fabrizio Cerchio che prende i fuochi con tranquillità serafica e rara maestria, L’assistente Gianluca Pennestri bravissimo nel suo lavoro, ma ha una pecca: può un romano essere interista?, mah. Davide Volpi assistente, aiuto, sa far tutto, insomma promette davvero bene e ultimo ma non per importanza ma per età è la nostra Rockstar Pierfrancesco “Elvis” che ogni giorno ha un ciuffo diverso di capelli sulla fronte. Sono loro gli artefici delle immagini che vedete e che fanno grande Distretto di Polizia. La voce fuori campo che li presenta, è la mia.

08 Mar 2011

Sono stanchissimo!

News 1 Comment

Stasera sento proprio una grande stanchezza. LA giornata di riprese è stata dura, con soddisfazione, ma dura! Il lavoro è impegnativo e coinvolge mente, corpo, muscoli, nervi. Come tutti i lavori che coinvolgono e che amiamo. Ogni giorno mi ripeto che sono fortunato a poter fare il lavoro che è anche il mio hobby e una delle mie passioni. Non tutti hanno questa fortuna e il mio pensiero e il mio affetto va a tutti quelli che subiscono un po’ il loro lavoro. Che non lo amano, che è per loro solo una necessità per sopravvivivere. Un lavoro che non hanno scelto e che è mille volte più faticoso del mio e con meno soddisfazioni. E a chi non ha proprio lavoro e lo cerca disperatamente. Stanotte va così…Notte!

07 Mar 2011

Una scena “naked” molto emozionante!

News 1 Comment

Oggi ho visto come sia sorprendente accorgersi che basta una scena interpretata dai nostri attori con grande rigore, sensibilità, per riuscire ad emozionare tutti noi. Senza l’aiuto fondamentale della musica, che ogni cosa sostiene e trasforma, senza  il montaggio che ne determina il ritmo, il respiro e  il punto di vista; senza la color correction che vira le luci e le interpreta per insinuare sensazioni; senza il mix finale che arricchisce il colore dei suoni; ma solo così, “naked”, nei vari takes separati. Nel master largo, totale;  nei primi piani, nelle diverse angolature. Nuda. Solo scrittura, attori e messa in scena e fotografia.Il nostro meraviglioso lavoro non esisterebbe senza la scrittura che determina il tutto, senza gli attori che lo fanno vivere, senza la regia che pensa a come potrebbe essere detta, vissuta, vista una scena e la fotografia che fissa i limiti del campo tra ciò che si vede e come si vede e ciò che si vuole occultare. Una bella emozione per l’anima.

 

06 Mar 2011

Febbre nel weekend. Ovvio!

News 2 Comments

E’ ufficiale! Sul set, tra la troupe di Distretto di Polizia, c’è un untore. Non l’abbiamo ancora individuato ma qualche sospetto l’abbiamo. Io sto scrivendo mentre sto ultimando la mia seduta giornaliera con l’aerosol. Quando le indagine del Decimo Tuscolano saranno terminate, pubblicherò la foto segnaletica del malcapitato/a per indicarlo al pubblico ludibrio. Scherzi a parte, quella che è passata è stata una settimana bella dal punto di vista artistico, ma dura dal punto di vista fisico. Ci siamo ammalati a turno, quasi tutti, un giorno dopo l’altro. Dentro il teatro 11 di Cinecittà, nascosta tra i meandri, dietro le quinte, sui ballatoi, ci attendeva l’influenza! E come accennavo all’inizio, in versione antropomorfa! Domani ricominciamo pieni d’entusiasmo e soprattutto di tanti antibiotici.

04 Mar 2011

Venerdì sera.

News No Comments

E’ finita la prima settimana di riprese. in realtà abbiamo iniziato a girare dal 24, ma oggi finisce la prima settimana ufficiale. Sono molto soddisfatto. C’è una strana e positiva atmosfera che ci piace molto. E’, come si dice un buon inizio. Buon weekend. P.S. E’ la terza edizione di Distretto che dirigo e ancora non mi sono accontentato di scoprire nuove sensazioni, nuove inquadrature e stupirmi ad ogni scena con gli attori vecchi e di scoprire piacevolmente quelli nuovi.

Rss Feed Tweeter button Facebook button Flickr button Youtube button